Ultimi articoli

OPEN DAY – CLASSE 2006 OPEN DAY – CLASSE 2006 17 maggio 2017 - Daniele Bassani Giovedì 25 Maggio ore 18 presso il Campo Sportivo T.Fabris di via Dupré 22, la ASD OSG 2001 organizza un OpenDay dedicato ai ragazzi nati nel 2006 che abbiano voglia di divertirsi, di stare insieme e di crescere col gioco più bello del mondo: IL CALCIO.Vi aspettiamo !!! Leggi tutto Condividi
+Copia link
Una qualifica… tira l’altra!!! Una qualifica… tira l’altra!!! 02 maggio 2017 - Maurizio Simionato Grandi soddisfazioni per le nostre squadre di Volley!Avevano cominciato la Open e la Juniores nei campionati invernali, ed ora è toccato a U12, U13, U14 e Mista, nei Tornei Primaverili.Tutte si sono qualificate alla seconda fase delle rispettive competizioni. Brave, bravissime!! I complimenti vanno a tutti i coach che le hanno guidate, ma soprattutto alle atlete e agli atleti che sono andati in campo, a "togliere la polvere dal pavimento" pur di non far cadere quella palla!!Non possiamo sapere come andrà a finire, chi potrà superare i prossimi turni ad eliminazione diretta: ma è certo che un bell'applauso è più che meritato!!!Continuiamo così, su questa strada!!!!Forza OSG!!! Leggi tutto Condividi
+Copia link
CORSO ALLENATORE EDUCATORE SPORTIVO CALCIO – ACSI CORSO ALLENATORE EDUCATORE SPORTIVO CALCIO – ACSI 22 aprile 2017 - Daniele Bassani Acsi propone un corso avanzato per Allenatori-Educatori Sportivi presso le strutture dell'OSG2001 e l'istituto San Gaetano.Qui http://www.acsilombardia.com/it/news/132-corso-per-allenatori-di-calcio/ troverete tutti i dettagli e il modulo di iscrizione.Gli incontri avranno tutti inizio alle ore 21. Leggi tutto Condividi
+Copia link
L’OSG a colloquio col Presidente del CONI Lombardia L’OSG a colloquio col Presidente del CONI Lombardia 18 aprile 2017 - Maurizio Simionato Giovedì 13 Aprile alcuni responsabili dell'OSG sono stati ricevuti dal Presidente del CONI Lombardia, Oreste Perri (famosa medaglia d'oro olimpica nella canoa). L'incontro è avvenuto presso la sede regionale del CONi, in Via Piranesi 44 a Milano.Insieme a noi anche il Presidente regionale dell'ACSI (Associazione dei Centri Sportivi Italiani) Claudio Bartelletti, nostro amico, e con cui collaboriamo da lunga data.L'incontro, durato circa un'ora e mezza, si è sostanzialmente sviluppato in tre parti.All'inizio sono stati portati all'attenzione di Perri una serie di episodi e situazioni concrete accadute recentemente e vissute in prima persona dai presenti, che evidenziano come in generale la gestione degli impianti sportivi pubblici a Milano sia un gran caos, spesso non funzionante, e con un purtroppo lungo elenco di storture ed inefficienze.Gli esempi citati hanno avuto come fattor comune una caratteristica non certo esaltante, e cioè che alle parole e promesse dei vari assessori che si succedono ad ogni rinnovo del Consiglio Comunale, poi non fanno mai seguito azioni concrete efficaci. Gli impianti pubblici mediamente vengono dati in gestione (appaltati) a società che puntualmente si dimostrano incapaci di svolgere il compito per il quale sono state incaricate. Gli spazi che dovrebbero essere a disposizione della collettività dei cittadini e delle Società Sportive di base (come l'OSG) versano spesso in condizioni che rasentano l'inagibilità, o vengono concessi con estrema difficoltà e talvolta anche negati. Gli esempi del Campo Sportivo Pavesi e del campo di calcio presso l'ex caserma Montello sono solo gli ultimi due di una lunga fila, che parte indietro nel tempo.Un altro capitolo su cui si è discusso ha riguardato i Bandi emessi dalla Regione per l'assegnazione di fondi a sostegno delle Società Sportive (ora se ne occupa Antonio Rossi, in pratica un "allievo" di Oreste Perri...). Risultano complessi, farraginosi, e di difficile utilizzo pratico... e di frequente già "chiusi" in quanto a fondi disponibili, prima ancora che si faccia in tempo a terminare le operazioni di compilazione della domanda (operazioni cui si accede online sul web, e che spesso richiedono di produrre documentazioni difficili e lunghe da ottenere e preparare).E' stata messa in evidenza anche l'ormai annosa questione dell'uso delle palestre scolastiche (di proprietà del Comune o della Provincia), con tutte le difficoltà di utilizzo dovute a sovraffollamento di richieste, burocrazia da rispettare, costi di concessione esagerati laddove a volte occorre integrare quanto versato al Comune con ulteriori fondi richiesti dalla Scuola stessa, casi di società che si accaparrano tutte le ore disponibili, salvo poi "subaffittarle" ad altre società, e così via.Perri non ha potuto fare altro che prendere atto di tutto quanto da noi esposto, dicendo di esserne solo parzialmente già a conoscenza, e di aver comunque già avuto in passato alcuni contatti vari Assessori allo Sport del nostro Comune, ma di non aver probabilmente mai approfondito abbastanza le problematiche. D'altro canto lui, in quanto rappresentante del CONI, può solo fare da "intermediario" tra le richieste delle società sportive e le capacità operative dell'Amministrazione Pubblica Locale (il Comune, la Regione). Ruolo che comunque si è preso impegno di portare avanti, promuovendo prossimamente un incontro "a tre" tra lui (CONI), alcuni rappresentanti degli Enti di Promozione Sportiva (focalizzandosi su questi più che sulle Federazioni), e gli assessori del Comune che hanno a che fare con la pratica sportiva (quindi non solo l'assessore per lo Sport). Sarebbe illusorio potersi aspettare chissà quali buone nuove notizie a breve termine, dopo questo incontro. Nè, del resto, era questo l'obiettivo. Abbiamo colto un'occasione che ci è stata data, e che di per sè rappresenta già un elemento positivo, data la disponibilità all'ascolto, all'attenzione e al dialogo mostrata dal CONI lombardo anche verso una piccola realtà di base come la nostra. Perri, e con lui tutta la sua Giunta, normalmente è abituato e per certi versi "costretto" a parlare e trattare con i Presidenti delle varie Federazioni Nazionali, o, al più, con i rappresentanti degli Enti di Promozione Sportiva (CSI, ACLI, UISP, PGS...). Aver ricevuto la piccola OSG è di certo un gesto che va a suo merito. Noi ora possiamo e dobbiamo sperare che non sia l'unico, ma solo il primo passo di un cammino che possa avere un occhio attento a chi come noi fa attività sportiva di base, magari in zone della città come la nostra dove situazioni sociali e realtà economiche spesso sono complicate e talvolta anche disagiate.E' solo una piccola goccia. Ma il mare è fatto di tante piccole gocce, una di fianco all'altra, una dopo l'altra.... Chissà.... Leggi tutto Condividi
+Copia link

ultima foto

ultimo video

dove siamo

Via Dupré 22 Milano, 20155, MI